Pagine

Sala conferenze - Hotel Ala d'Oro

Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 - claudio@aladoro.it
Iscriviti alla newsletter di Caffè Letterario sul sito http://www.aladoro.it/

lunedì 24 febbraio 2020

ATTENZIONE - ANNULLATI GLI INCONTRI DI QUESTA SETTIMANA

ATTENZIONE!
in ottemperanza all'ordinanza regionale “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019”, i 2 incontri di questa settimana programmati per venerdì 28 e sabato 29 febbraio sono annullati.

sabato 22 febbraio 2020

Sabato 29 febbraio - "Musica, Poesia e biciclette"


“Musica, Poesia e Biciclette”. Questo il titolo della serata musicale-conviviale di Caffè Letterario che si terrà sabato 29 febbraio con inizio alle ore 20,30 nel ristorante dell’ Hotel Ala d’Oro. Una serata dedicata alla biciletta e alla sua storia straordinaria che ha attraversato tutte le vicende del Novecento, dalle guerre alla Resistenza, alla ricostruzione che s’incarnò nei trionfi di Coppi e Bartali, raccontata dalle tante canzoni che l’hanno vista protagonista reinterpretate da Lele il Saraceno e dalla poesia di Lorenzo Stecchetti.
Questo il menù della serata:
Aperitivo con stuzzicheria
Cappelletti in brodo
Brasato di capocollo con purè di patate
Zuppa inglese
Caffè
€. 28,00 per persona bevande incluse
E’ necessaria la prenotazione  (Tel. 054522388 – 329 6817175)


Venerdì 28 febbraio - La storia della bicicletta raccontata da STEFANO PIVATO


Venerdì 28 febbraio, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, lo storico Stefano Pivato  presenterà al Caffè Letterario di Lugo il suo saggio “Storia sociale della bicicletta” edito da Il Mulino. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Paolo Cavassini. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
Indispensabile nella vita contemporanea, strumento di svago e di lavoro, simbolo di libertà: la bicicletta ha 150 anni e non li dimostra. Ci ha accompagnato dentro la prima modernità industriale, ha cambiato lo stile di vita di uomini e donne. Una marcia vincente ma non priva di ostacoli: ai suoi inizi essa infatti parve un attentato alla pudicizia femminile, una minaccia alla dignità dei sacerdoti cui ne fu proibito l’utilizzo, persino un incentivo alla criminalità, dando luogo a dibattiti accaniti e grotteschi. Una storia straordinaria, che attraversa tutte le vicende del Novecento, dalle guerre alla Resistenza, alla ricostruzione che s’incarnò nei trionfi di Coppi e Bartali, per giungere ai giorni nostri che vedono ormai nella bicicletta il mezzo d’elezione della nuova sensibilità ambientalista.
Stefano Pivato insegna Storia contemporanea all’Università di Urbino. Per il Mulino ha tra l’altro pubblicato: «Il secolo del rumore» (2011), «I comunisti mangiano i bambini» (2013), «Favole e politica» (2015), «I comunisti sulla Luna» (con M. Pivato, 2017) e «Storia dello sport in Italia» (con P. Dietschy, 2019).



La serata con SILVIA FERRARA


Ancora tanto pubblico presente ieri sera 21 febbraio nella sala conferenze dell’Ala d’Oro per ascoltare Silvia Ferrara che ha presentato il suo libro “La grande invenzione. Storia del mondo in nove scritture misteriose” edito da Feltrinelli. La grande invenzione, come recita il suo sottotitolo, è una storia del mondo in nove scritture misteriose che colpisce l'immaginazione innanzitutto perché è scritta con lo stile sperimentale e magnetico di una lingua parlata. Il libro in particolare si concentra sulle scritture sconosciute e indecifrate come le quattro dell'area egea (il geroglifico cretese, la lineare A e il cipro-minoico, il disco di Festo), il proto-elamita, la scrittura della valle dell'Indo, quella mesoamericana precedente la scrittura maya, il khipu degli inca (un sistema di nodi fitti e su fili di colori diversi), il rongorongo dell'Isola di Pasqua... C'è poi la storia di scritture e alfabeti noti,  i geroglifici egizi naturalmente, il cuneiforme, così come gli ideogrammi cinesi e la loro evoluzione; ognuno è riportato con naturalezza nella sua rotonda bellezza al contesto del suo uso, diffusione, circolazione, in/decifrazione e di ognuno con disarmante franchezza sono sintetizzati la storia del dibattito, le teorie rivali e lo sviluppo della ricerca nel tempo (il che da solo basterebbe a farne un affascinante romanzo accademico).







lunedì 17 febbraio 2020

Venerdì 21 febbraio - Alla scoperta della nascita della scrittura con SILVIA FERRARA


Venerdì 21 febbraio, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, Silvia Ferrara presenterà al Caffè Letterario di Lugo il suo saggio “La grande invenzione. Storia del mondo in nove scritture misteriose” edito da Feltrinelli. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Claudio Nostri. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
Questo libro parla di un'invenzione ancora avvolta nel mistero: la scrittura. È ormai quasi sicuro che sia stata concepita da zero più volte nella storia. Ma come si è arrivati a questa rivoluzione? Che cosa ci ha portato a scrivere? Per aiutarci a svelare questo arcano, Silvia Ferrara ci guida alla scoperta delle scritture inventate dal nulla e di quelle rimaste indecifrate fino a oggi, non solo tra i segreti della storia, ma anche nei meandri della nostra mente. Cina, Egitto, Messico, Mesopotamia, Cipro e Creta. Gli enigmi delle isole, la grande macchina delle città e degli imperi. Gli esperimenti sulla scrittura e le invenzioni solitarie, i sistemi ancora indecifrati dell'Isola di Pasqua e della Valle dell'Indo, il manoscritto di Voynich, gli oscuri khipu inca, il disco di Festo e tanti altri. Questo libro è un viaggio nella nostra capacità illimitata di creare storie e simboli, fatto di iscrizioni sibilline, di lampi di genio nel passato, della ricerca scientifica di oggi e dell'eco, vaga e imprevedibile, della scrittura del futuro.
Silvia Ferrara è professore ordinario di Civiltà egee all’Università di Bologna. e si occupa di sistemi indecifrati di scrittura dell’Egeo, Cipro e Siria del secondo millennio A.C.
Silvia Ferrara è professore ordinario di Civiltà egee all’Università di Bologna. Ha studiato all’University College di Londra e all’Università di Oxford e, dopo vari anni come ricercatrice in Archeologia e linguistica a Oxford, è tornata in Italia. Nel 2017 il suo progetto di ricerca ha vinto il Consolidator Grant dell’European Research Council.


Il Vernissage della mostra "Carte d'identità" di PIETRO MELETTI

Inaugurata sabato pomeriggio 15 febbraio, nella hall dell'Hotel Ala d'Oro, la mostra pittorica “Carte d'identità" di Pietro Meletti. La mostra rimarrà visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 22 fino a giovedì 12 marzo 2020.





sabato 15 febbraio 2020

Sabato 15 febbraio - "Carte d'identità" di PIETRO MELETTI


Sabato 15 febbraio, alle ore 18.00, nella hall dell’Hotel Ala d’Oro, si inaugura la mostra pittorica “Carte d’identità” di Pietro Meletti.  Introduce Carmine Della Corte.
Pietro Meletti è nato a Fusignano nel 1963. Compie gli studi artistici a Ravenna, il liceo, poi l'Accademia di Belle Arti, dopo un anno di grafica pubblicitaria all'Albe Steiner. Frequenta in un primo momento gli ambienti della provincia ravennate e forlivese, spostandosi verso Bologna per seguire le attività di quelle Gallerie dove nei primissimi anni novanta orbitavano interessanti giovani artisti (Il Campo delle fragole, Neon, Cristoferi). Folgorato dalla visione di una mostra di Marco Gastini, ne frequenta negli anni successivi lo studio torinese e gli ambienti a lui legati, come la galleria Martano e l'editore Marco Noire. Interessato da sempre alla musica ed avvicinatosi al pianoforte a causa di un grave incidente stradale, ha cominciato a dare uno sviluppo consistente a questa parte della sua creatività, come autore (è iscritto dal 2004 alla SIAE) e performer, eseguendo concerti di musica digitale ed esibendosi come pianista, componendo colonne sonore. Nel 2012 ne è stata presentata l'autobiografia artistica “Cuore solitario, romanzo notato” da Silvia Golfera e Marco Sangiorgi presso l'Officina fotografica - galleria per la fotografia contemporanea - a Lugo, e a Torino dalla curatrice e giornalista d'arte Renata Panizzieri, presso la galleria Fondazione Arté Vision Gallerie.
La mostra è visitabile tutti i giorni dalle 10,00 alle 22,00 e rimarrà allestita fino al 12 marzo.