Pagine

Sala conferenze - Hotel Ala d'Oro

Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 - claudio@aladoro.it
Iscriviti alla newsletter di Caffè Letterario sul sito http://www.aladoro.it/

giovedì 27 luglio 2017

LUGOCONTEMPORANEA 2017

Giunge alla tredicesoma edizione Lugocontemporanea, il Festival di Musica in dialogo con altre forme espressive, per la direzione artistica di John De Leo, Franco Ranieri e Monia Mosconi, in programma dal 27 al 29 luglio nel centro storico di Lugo (RA).

AREA SISMICA
XIII edizione

27, 28, 29 LUGLIO 2017
Centro Storico Lugo di Romagna


INGRESSO GRATUITO

27 LUGLIO

[musica + teatro]
h.21:00 Chiostro del Carmine

CHIARA GUIDI / FRANCESCO GUERRI
> INFERNO esercizi per voce e violoncello sulla Divina Commedia - II Atto
Produzione di SOCIETAS in collaborazione con LUGOCONTEMPORANEA e Associazione PRIMOLA Cotignola 


[conferenza]
h.22:00 Chiostro del Monte

VALERIO CORZANI 
> JOHN CAGE: IL SISMA E L’ANTISISMA
Relazioni telluriche tra Musica Contemporanea e Politica

Produzione di LUGOCONTEMPORANEA in collaborazione con
CAFFÉ LETTERARIO di Lugo e ARCI BO
 


[musica + video]
h.23:15 Largo Aurelio Baruzzi

e-cor ensemble + SALVATORE INSANA
Parte 1
MENO INFINITO Duo + SALVATORE INSANA
Parte 2
> QUESTO PIACERE DI INCIAMPARE - Parte 1 e 2
(a cura di Simone Pappalardo)

Produzione di LUGOCONTEMPORANEA con i Conservatori O. Respighi di Latina e A. Casella dell’Aquila 



28 LUGLIO

[conduction]
h.21:00 Chiostro del Monte

MÉDÉRIC COLLIGNON +
Lugocontemporanea Strings 5tet
 

> LAHARS
Produzione di Lugocontemporanea 


[dibattito]
h.22:00 Chiostro del Carmine

GIORGIO ZANCHINI / FRANCESCA PULCINI / ENDRO MARTINI / SERGIO MACCAGNANI 
> AREA SISMICA
Produzione di LUGOCONTEMPORANEA in collaborazione
con CAFFÉ LETTERARIO di Lugo e ARCI BO
 


[conduction]
h.23:15 Largo Aurelio Baruzzi

SIMONE PAPPALARDO + Orchestra Strumenti Autocostruiti GNADDÌ
Feat. Simone Alessandrini e Marco Ariano 

> FIELDS
Produzione di LUGOCONTEMPORANEA
con i Conservatori O. Respighi di Latina e A. Casella dell’Aquila
 



29 LUGLIO

[performance musicale]
h.21:00 Chiostro del Monte

JOËLLE LÉANDRE Solo
> MUSISMIQUE: À voix Basse
Produzione di LUGOCONTEMPORANEA in collaborazione con ANGELICA 


[musica]
h.22:00 Chiostro del Carmine

MÉDÉRIC COLLIGNON / SIMONE PAPPALARDO / STEFANO SASSO
> ACUSMONIUM TREMENS
Produzione di LUGOCONTEMPORANEA




ESPOSIZIONI ARTISTICHE
da lunedì 24 a sabato 29 luglio
dalle 20:30 alle 23:30 


[scultura]
> Chiesa di S. Onofrio 

MARCANTONIO RAIMONDI MALERBA
> AMEN
Produzione di LUGOCONTEMPORANEA in collaborazione
con Gruppo Cultura AUSL Romagna
 


[installazione sonora]
> Chiostro del Carmine 

SIMONE PAPPALARDO / MICHELE MASTRACCI 
> ACUSMONIUM 
Esecuzioni automatizzate di:

Cadenza di LUIGI CECCARELLI

ElleniKà di GIORGIO NOTTOLI

da Acta Geografica Ciclo Escursioni sulla Frangia di ANDREA VALLE

voices 2.0 di MARIA CRISTINA DE AMICIS 

Produzione di LUGOCONTEMPORANEA con i Conservatori
Ottorino Respighi di Latina e Alfredo Casella dell’Aquila 




Direzione Artistica

JOHN DE LEO | FRANCO RANIERI | MONIA MOSCONI


Collaboratori esterni

Gerardo Ricci, Massimo Gavelli, Fausto Giorgi, Giuditta Barduzzi, Fabio Biondi, Piero Ballardini, Daniela Collina, Stefano Brugnara, Rossella Vigneri, Ariele Monti, Giovanna Disabato, Andrea Mari


Artwork / Webdesign

Elisa Caldana 


Illustrazione

Andrea Serio
 

giovedì 13 luglio 2017

Le letture "alla Luna..."

Queste le immagini della bella serata di sabato 8 luglio dedicata alla luna, alla notte ed alle stelle che si è tenuta nel bellissimo parco della Associazione Culturale "Entelechia". Tante le voci che si sono alternate a declamare i versi di Ariosto, Pascoli, Tasso, Leopardi... e tanti altri e un grazie sentito a tutti i lettori.












lunedì 3 luglio 2017

"Alla Luna..." Notte di letture poetiche ad Entelechia

“Alla luna…” Sabato 8 luglio, alle ore 21.00, nella sede di “Entelechia” a Lugo in via Quarantola 32/1 si terrà, organizzata in collaborazione con il Caffè Letterario di Lugo, una serata di letture poetiche notturne. L’invito è rivolto a coloro che vorranno condividere le proprie lune assieme ad altri lunatici, per trascorrere una inusuale serata presso il parco adiacente alla sede di Entelechia. Tutti i partecipanti che vorranno, potranno leggere i versi del loro autore del cuore, versi propri, o solamente ascoltare, guardando il cielo di una notte di mezza estate, le parole dei grandi poeti che hanno cantato la luna, e le stelle come Saffo, Ovidio, Ariosto, Baudelaire, Garcia Lorca, Leopardi… (e tanti altri a vostra scelta).

Attrezzatura per il viaggio:
- i testi proposti dovranno essere brevi e contenuti entro pochi minuti;
- una coperta per coloro che vorranno stendersi sul prato,
- una pila per orientarsi nel parco
Ingresso gratuito in cambio di rispetto per l’ambiente. A coloro che non riescono a rinunciare alla sigaretta chiediamo di munirsi di un posacenere ed un contenitore per i mozziconi delle sigarette
Per informazioni:

Marisa Galanti 333 5243609 - Claudio Nostri 329 6817175

mercoledì 28 giugno 2017

"Lugo è casa mia" di LORENZA PIERI

Lorenza Pieri è stata ospite del Caffè Letterario di Lugo mercoledì 2 novembre 2016 per presentare il suo romanzo "Isole minori” edito da Edizioni e/o.

A Lugo non ci ho mai vissuto ma è casa mia. E’ il luogo che ho scritto centinaia di volte insieme alla mia data di nascita e che compare su ogni mio documento. Sono nata lì. Ho cambiato casa una trentina di volte, ho cambiato città sei volte, ho cambiato Paese e pure continente. Lugo è sempre lì, all’inizio della mia storia, di ogni mio viaggio. Quando la scorsa primavera è uscito il mio romanzo avrei voluto presentarlo a Lugo subito, mi sembrava quasi doveroso cominciare dal principio. Ma poi vivendo in America, sopravvenendo l’estate, le cose si sono fatte complicate, i calendari degli eventi letterari lughesi del Caffè letterario erano già pieni e fittissimi. Così siamo riusciti a trovare una data a Novembre. Alla fine del tour. Dopo una quindicina di tappe su e giù per l’Italia e appena prima di tornare in America. Come dicevo a Lugo non ci ho mai vissuto ma è il paese di mia mamma, di mia nonna (che ha da poco compiuto cento anni). Ci ho passato diverse estati d’infanzia, tutti momenti che ricordo con grande intensità, il profumo della campagna, maiale e mele, (così diverso da quello toscano), la bicicletta, il cibo buonissimo, il dialetto e le persone, i parenti e gli amici della nonna e la zia con le quali siamo cresciute, le passeggiate sotto il Pavaglione: mi piaceva tutto di Lugo. Così tornarci insieme a mia mamma per chiudere il tour di presentazione del mio romanzo (che tutti mi chiedono quanto sia autobiografico e ogni volta dovrei dire l’unica parte vera è quella che riguarda la nonna, ma poi scelgo sempre risposte più generiche sulla inevitabile finzione nella costruzione della finzione letteraria), è stato particolarmente emozionante. Una serata piena di segni, di ricordi, di bellezza.
L’accoglienza degli amici dell’Ala d’Oro, i cappelletti in brodo, di una bontà commovente, (un sapore identico a quello di famiglia, irriproducibile negli Stati Uniti). La statua di Francesco Baracca, la grande ala di marmo che si staglia al centro della piazza umida e nebbiosa, sempre lì, a puntare verso il cielo. La presentazione alla Rocca, un altro luogo simbolico per me, perché era il posto in cui un tempo si trovavano i bagni pubblici, dove nonna ha lavorato per tanti anni come cassiera e il libraio che la ricordava, una signora alta, con i capelli nel “concio”, era lei senz’altro, solo che non era alta, portava i tacchi, stava su una pedana e lui era un bambino. I parenti che non vedevo da anni. Il loro affetto sempre uguale. La lettura e le domande di Patrizia Randi, così profonde e interessanti che avrei risposto solo “sì”, facendo parlare sempre lei. La serata di Lugo a chiusura del tour è stata meravigliosa, è stato bello che il principio fosse per una volta la fine, di quelle belle, che segnano ovviamente un nuovo inizio.

di Lorenza Pieri



lunedì 26 giugno 2017

I lettori de "LE DONNE AL PARLAMENTO" di Aristofane

Ecco le immagini della maratona letteraria di sabato 24 giugno che ha concluso la stagione 2016/2017 del Caffè Letterario di Lugo dedicata alla divertente lettura integrale de  “Le donne al parlamento” di Aristofane che si è svolta nel cortile del Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro accompagnata da un’ottima cena a base di Paella alla valenciana.   Ancora un grazie sentito alla Associazione Culturale  Entelechia nella persona di Gianluigi Caravita per il supporto tecnico e a tutti i lettori.
In ordine di apparizione:
Patrizia Randi
Barbara Rasponi
Federica Costa
Anna Maria Tampieri
Francesca Calzavarini
Dario Bolotti
Bruno Cimatti
Marco Sangiorgi
Gabriele Bersanetti
Evelina Tabanelli
Claudio Nostri
Paolo Ravaglia
Carmine Della Corte








martedì 20 giugno 2017

Sabato 24 giugno - Paella e Maratona Letteraria con la "LE DONNE AL PARLAMENTO" di Aristofane

Sabato 24 giugno, alle ore 20,30 nel cortile interno dell’Hotel Ala d’Oro tornano, con una serata conviviale a base di un’ottima Paella alla Valenciana, le Maratone Letterarie del Caffè Letterario di Lugo.  In questa serata, che sarà l’appuntamento conclusivo di una stagione 2016/2017 dedicata, per quello che riguarda le nostre letture collettive, ai grandi tragici greci, non poteva esserci scelta più scontata, per festeggiare questa annata in allegria, che leggere la “Le donne al parlamento” del grande commediografo ateniese Aristofane.  In quest'opera le donne impongono ad Atene una sorta di comunismo integrale, i cui effetti però (almeno dal punto di vista sessuale) assumono i contorni dell'incubo: ad un giovane si prospetta l'obbligo di concedersi per interi giorni a tre laide vecchie, prima di poter vedere una bella ragazza. 
Il testo sarà declamato da scrittori, artisti, amici, collaboratori del nostro Caffè Letterario e di Entelechia che si alterneranno alla lettura mentre sarà servita una “favolosa” Paella alla Valenciana.  Insomma, una notte d’estate da trascorrere in allegria, fra amici, cenando, bevendo, leggendo e ridendo di guerre, pace ed Eros…

Menù
Paella alla Valenciana
Sorbetto alla frutta
Vino e Sangria
€. 25,00 per persona, bevande incluse


La serata con lo storico MASSIMO BAIONI

Queste le immagini della serata di ieri sera, 19 giugno, con lo storico Massimo Baioni che ha presentato il suo ultimo saggio “Le patrie degli italiani” edito da Pacini. Con questo penultimo incontro della stagione si concludono per quest’anno le presentazioni di libri. Sono stati proposti 38 libri di cui 13 di narrativa e 25 di saggistica riguardanti diverse discipline come Storia, Filosofia, Critica Letteraria, Musica, Sociologia. Sabato 24 giugno si concluderà come tradizione all’insegna del buon umore questa tredicesima stagione del Caffè Letterario di Lugo con la lettura collettiva de “Le donne al parlamento” di Aristofane accompagnata da una cena a base di Paiella.




domenica 18 giugno 2017

Lunedì 19 giugno - Lo storico MASSIMO BAIONI al Caffè Letterario di Lugo

Lunedì 19 giugno, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, nella penultima serata di questa stagione del Caffè Letterario di Lugo si parlerà ancora di Storia con Massimo Baioni e il suo ultimo saggio “Le patrie degli italiani” edito da Pacini Editore. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Paolo Cavassini.
Nel ripercorrere alcuni momenti salienti del Novecento italiano, questo libro adotta la lente particolare del discorso patriottico, dei suoi miti e usi pubblici, delle continuità e delle rotture che lo hanno caratterizzato, delle sue relazioni con le varie culture politiche nazionali. Si tratta di una tematica ricca di implicazioni, che non ha mai cessato di essere terreno di confronto storiografico e di accesa polemica politica. Partendo dallo stretto rapporto con le guerre, che segna il tema del patriottismo e dell’italianità tra i due conflitti mondiali e soprattutto durante il fascismo, il libro passa a esplorare la transizione dei miti nazionali nell’Italia repubblicana: arriva infine a lambire il presente, con alcune riflessioni sul 150° anniversario dell’unità. Ne esce l’invito a dare un respiro di lungo periodo ai tanti interrogativi che accompagnano l’Italia e gli italiani alle prese con le sfide del nuovo secolo.
Massimo Baioni insegna Storia del Risorgimento e Storia dell’Europa contemporanea all’Università di Siena, Dipartimento di Scienze della formazione, Scienze umane e della Comunicazione interculturale (Arezzo). Tra i suoi libri: Risorgimento in camicia nera (Carocci, 2006); Risorgimento conteso (Diabasis, 2009); Rituali in provincia (Longo, 2010). È membro del comitato direttivo della rivista «Memoria e Ricerca».

sabato 17 giugno 2017

"Ridere di cuore (e anche di testa)" di IVANO NANNI

Sull'incontro di venerdì 16 giugno con Emilio Russo che ha presentato il suo libro “Ridere del mondo. La lezione di Leopardi” edito da Il Mulino.

Chi non ha mai sentito nominare le Operette Morali di Giacomo Leopardi? Tutti o quasi. Chi le ha effettivamente lette per intero? Pochi o quasi. Rientro anch’io nella fetta dei lettori mancati. Effettivamente sono una parte importante delle mie lacune che di tanto in tanto affiorano come buchi neri ad ammonirmi per quello che ho saltato o che non ho approfondito, e sono tante che non le conto più. Per quello che mi riguarda le Operette stavano chiuse in un cassetto insieme ad altri testi liceali che non ho più ripreso in mano e lì sarebbero restate, anche se adesso non ne sono così certo. Colpevole la mia scarsa devozione alla poesia e alla prosa poetica, senza dubbio, ma certamente quel testo è ostico per struttura e profondità di pensiero, e di stile arduo a essere penetrato di prima intenzione. Ma Leopardi aveva ragione, scriveva come scriveva perché era un genio letterario, e noi che abbiamo faticato sulle Operette e poi abbiamo desistito siamo colpevoli di omissione culturale se così si può dire. Se ci fosse un reato simile saremmo tutti perseguibili e condannati giustamente, da un kafkiano tribunale, alla lettura forzata e al commento obbligatorio scritto.

Ora, dopo la serata di presentazione del libro di Emilio Russo,” Ridere del mondo”, un saggio sulle semisconosciute Operette credo che le riprenderò in mano con rinnovata concentrazione. Suppongo che l’impatto sarà ancora duro ma l’aspetto comico di questa impresa credo che mi aiuterà ad entrare nella comicità di quel capolavoro. A mio parere, quello che è filtrato ieri sera nell’attento uditorio è stato, per prima cosa, la innegabile e profonda passione di chi presentava il testo critico, Claudio Nostri: a suo agio da decenni tra i versi del poeta, in azione continua in un campo che ha eletto come paradigma letterario e fondamento filosofico per le sue tante letture; e poi, seconda cosa, la sapienza filologica di Emilio Russo che ci ha portato a riflettere sulla genesi originale dell’opera. Ci ha condotto con piacevolezza nel laboratorio letterario del poeta, ha aperto la porta dello studio leopardiano e ci ha mostrato la fonte primigenia di quel complesso e lungo lavoro. Una genesi per molti versi occulta, misteriosa, addossata a una mole sterminata di appunti, di chiose, di note e commenti e correzioni segno di quanto fosse tormentata la scrittura di quelle prose. Con molta chiarezza si è intuito che dietro a tanta sapienza si nasconde il segreto del Ridere del mondo. Sì, perché è questo stupefacente dato che salta fuori dal dialogo tra Claudio ed Emilio, (che potrebbe essere il titolo di un’operetta tutta da scrivere),che il Pessimismo Cosmico, può, anzi diventa Comico senza tradire la disillusione sulle “sorti magnifiche e progressive” nostre, e quindi si apre al sorriso disincantato e un po’ folle di un filosofo poeta che ha ancora e forse avrà per sempre pochi ma inguaribili lettori. 
di Ivano Nanni 

Le "Operette morali" di Leopardi raccontate da EMILIO RUSSO

Una bella serata trascorsa a parlare di un grande classico, poco frequentato, come le “Operette morali” di Giacomo Leopardi quella di ieri sera, venerdì 16 giugno, con Emilio Russo docente di letteratura italiana alla Sapienza di Roma che ha presentato il suo saggio edito dal Mulino “Ridere del mondo. La lezione di Leopardi”.




giovedì 15 giugno 2017

Venerdì 16 giugno - EMILIO RUSSO racconta le "Operette morali" di Leopardi

Venerdì 16 giugno , alle ore 21.00, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, serata leopardiana per il Caffè Letterario di Lugo con Emilio Russo che presenterà il suo saggio “Ridere del mondo. La lezione di Leopardi" edito da Il Mulino. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Claudio Nostri.

Apparse nel 1827 e subito salutate come «il libro meglio scritto del secolo», le «Operette morali» si caratterizzano per una scrittura cristallina e si compongono di una serie di dialoghi e novelle spesso declinati in chiave umoristica per indurre i lettori al sorriso. Al di sotto di questa leggerezza di superficie vi trovano però espressione le idee di Leopardi sull’amara condizione dell’uomo e sulle possibili vie di fuga. Dopo aver ragionato sui lunghi tempi di composizione, sulla genesi dei testi e sull’evoluzione delle «Operette», l’autore illustra il ruolo che il «ridere» ha nel loro impianto: un riso che può essere forse inteso come la lezione più profonda e aperta di questo capolavoro della nostra letteratura.

Emilio Russo insegna Letteratura italiana alla Sapienza ‒ Università di Roma; dirige, con M. Motolese, il progetto «Autografi dei letterati italiani». Tra le sue ultime pubblicazioni, l’edizione commentata dell’«Adone» di G.B. Marino (Rizzoli, 2013) e la «Guida alla lettura della “Gerusalemme liberata”» (Laterza, 2014).


lunedì 12 giugno 2017

Quattro giorni di "SCRITTURA FESTIVAL" a Lugo

Si è conclusa domenica sera la quarta edizione di ScrittuRa Festival con seimila presenze e il coinvolgimento di duemila studenti. Il festival che si è svolto tra Ravenna e Lugo, segnato da alcune importanti anteprime durante l’anno, ha portato nelle due città alcuni tra gli autori più importanti della scena internazionale come l’inglese Hanif Kuerishi, il franco-marocchino Tahar Ben Jelloun, l’americana Lauren Groff, il francese Gaël Fayet, e diversi autori italiani come Roberto Saviano, Stefano Benni, Lidia Ravera, Andrea Vitali, Teresa Ciabatti e molti altri. ScrittuRa Festival è stato realizzato dalla Associazione Onnivoro grazie alla Regione Emilia-Romagna, Comune di Ravenna, Comune di Lugo, Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna, CMC e con la collaborazione di singoli imprenditori come l’Hotel Diana di Ravenna, Hotel Ala d’Oro di Lugo, Osteria del Tempo Perso, Osteria dei Battibecchi. Si ringraziano inoltre tutte le scuole superiori di Ravenna, le librerie, Istituzione Biblioteca Classense, Blbioteca Trisi, MAR e tutti i volontari che hanno reso possibile la quarta edizione di ScrittuRa: Stefano Bon, Stefano Carattoni, Patrizia Randi, Claudio Nostri, Livia Santini, Rita Suprani, Andrea Magnani, Angela e Alberta Longo, Massimo Berdondini, Andrea Napolitano, Antonio Maiani, Marco Gatti, Caterina Morigi, Nicoletta Bacco, Silvia Travaglini, Ilaria Cavezzali, Martina Zaganelli, Davide Baldrati, Giorgio Zattini, Kingsley Onyedika Okeke e Lucia Mundo.