Pagine

Sala conferenze - Hotel Ala d'Oro

Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 - claudio@aladoro.it
Iscriviti alla newsletter di Caffè Letterario sul sito http://www.aladoro.it/

mercoledì 24 luglio 2019

15.LUGOCONTEMPORANEA.19

15.LUGOCONTEMPORANEA.19

PINOCCHIO FOR PRESIDENT
XV edizione
25, 26, 27 LUGLIO 2019
Centro Storico Lugo di Romagna


INGRESSO GRATUITO 


25 LUGLIO[musica]
h.21:00 Chiostro del Monte

GIOVANNI GUIDI Solo

[dibattito + videoproiezione]
h.22:00 Chiostro del Carmine

LIETTA MANGANELLI / ERMANNO CAVAZZONI 


26 LUGLIO[musica + danza]
h.21:00 Chiostro del Monte

MICHELE RABBIA + STEFANO QUESTORIO / GISELDA RANIERI 

[musica]
h.22:00 Chiostro del Carmine

HAN BENNINK / JORIS ROELOFS 


27 LUGLIO[musica + video]
h.21:00 Chiostro del Monte

GIANCARLO SCHIAFFINI 

[musica]
h.22:00 Chiostro del Carmine

MOLOSSOS 

sabato 13 luglio 2019

Sabato 13 luglio - "Alla Luna..." Notte di letture poetiche ad Entelechia


“Alla luna…” Sabato 13 luglio, alle ore 21.00, nella sede di “Entelechia” a Lugo in via Quarantola 32/1 si terrà, organizzata in collaborazione con il Caffè Letterario di Lugo, una serata di letture poetiche notturne. L’invito è rivolto a coloro che vorranno condividere le proprie lune assieme ad altri lunatici, per trascorrere una inusuale serata presso il parco adiacente alla sede di Entelechia. Tutti i partecipanti che vorranno, potranno leggere i versi del loro autore del cuore, versi propri, o solamente ascoltare, guardando il cielo di una notte di mezza estate, le parole dei grandi poeti che hanno cantato la luna, e le stelle come Saffo, Ovidio, Ariosto, Baudelaire, Garcia Lorca, Leopardi… (e tanti altri a vostra scelta).
Attrezzatura per il viaggio:
- i testi proposti dovranno essere brevi e contenuti entro pochi minuti;
- una coperta per coloro che vorranno stendersi sul prato,
- una pila per orientarsi nel parco

Per informazioni:
Marisa Galanti 333 5243609 - Claudio Nostri 329 6817175



martedì 25 giugno 2019

"L'amico nel triclinio" di IVANO NANNI


Sull'incontro di domenica 23 giugno 2019 dedicato alla lettura del “Satyricon” di Petronio.

La stagione del caffè letterario di Lugo va in ferie estive e riprenderà ad ottobre come è stato segnalato dal suo animatore e fondatore Claudio Nostri. Chiude come è sua usanza con una lettura finale e collettiva di un classico, questa volta, della letteratura latina. Nel cortile dell'albergo Ala d'oro, è andata in scena una selezione di brani del Satyricon, il capolavoro di Petronio. Molti sono stati i lettori e le lettrici che hanno letto i brani assegnati dal regista Nostri. In questa storia di decadenza, di pederasti e poetastri, di ladri e parassiti, di schiavi e di padroni la sensazione di avere letto una cronaca mondana attuale è stata forte. Che Roma fosse una grande capitale lo si sapeva, e che fosse anche in decadenza pure, ma che resista a questo declino da duemila anni ci fa dire che questa città è davvero immortale. E' dunque una grande città, e se l'immortalità non è solo un pensiero che tocca qualche artista in vena di umorismo, Roma è la vera protagonista di questo stupefacente romanzo che solo uno spirito libero e libertario, e pagano, poteva scrivere. E produrre quell'arte, musiva e pittorica, non sarebbe stato possibile se non si aveva il senso della finitezza dell'esistenza, in quanto la grandezza avveniva nell'istante, nel godimento dell'attimo, nella produzione del quadro, o della poesia che solo in virtù della sua scrittura è diventata paradigmatica, e leggibile come storia dell'oggi. Ieri sera si è sfiorata questa convinzione, evocando quello che i nostri antichi antenati hanno provato, e che noi proveremo solo in sogno, il sogno del Satyricon.

I lettori del "Satyricon"


Si è conclusa domenica 23 giugno la XV stagione del Caffè Letterario di Lugo con una serata trimalcionica  dedicata alla lettura del capolavoro di Petronio “Il Satyricon”. Grazie a tutti i lettori…
Bruno Cimatti
Paolo Ravaglia
Gian Luigi Caravita
Ivano Nanni
Andrea Trerè
Marco Sangiorgi
Gabriele Bersanetti
Carlo Pasi
Mimmo Della Corte
Nadia Sette
Luciana Masironi
Francesca Calzavarini
Luisa Cristoferi
Patrizia Randi
Claudio Nostri







Il vernissage della mostra "LE BUSTE DEL BRADIPO"

Inaugurata sabato pomeriggio 22 giugno, nella hall dell'Hotel Ala d'Oro, la mostra "Le Buste del Bradipo" in occasione dei 30 anni di attività delle Edizioni del bradipo di Lugo. In esposizione una serie di tavole dalla collana Le parole colorate. In questa collana si uniscono, in felice incontro e scambievole comunicazione di codici e linguaggi (con pari dignità, evitando che uno sia didascalia dell’altro), testi letterari con testi figurativi.La mostra rimarrà visitabile tutti i giorni dalle 10 alle 22 fino al 30 settembre 2019.











martedì 18 giugno 2019

Domenica 23 giugno - "SATYRICON" di Petronio Arbitro - Maratona letteraria


Domenica 23 giugno, alle ore 20,30 nel cortile interno dell’Hotel Ala d’Oro, tornano, con una serata conviviale a base di una trimalcionica frittura di pesce, le Maratone Letterarie del Caffè Letterario di Lugo.  In questa divertente serata, che sarà l’appuntamento conclusivo della stagione 2018/2019, leggeremo brani tratti dal “Satyricon” di Petronio Arbitro. Il Satyricon è una testimonianza d'altissima civiltà, ed egli attende lettori di tale levatura sociale e cultura letteraria da poter subito intendere tutte le sfumature del mal comportamento sociale e dell'abbassamento della lingua e del gusto. (Erich Auerbach). La lettura si svolgerà all'aperto nel cortile del Ristorante dell'Hotel Ala d'Oro.

Menù
 Aperitivo
Trimalcionica frittura di mare
Sorbetto alla frutta
Caffè
€. 25,00 per persona, bevande incluse
E’ necessaria la prenotazione
 Tel. 0545 22388 – 329 6817175


Sabato 22 giugno - "Le Buste del Bradipo"


Sabato 22 giugno alle ore 18,00, nella hall dell’Hotel Ala d’Oro di Lugo si inaugura la mostra “Le Buste del Bradipo” in occasione dei 30 anni di attività delle Edizioni del bradipo di Lugo. Saranno esposte una serie di tavole dalla collana Le parole colorate. In questa collana si uniscono, in felice incontro e scambievole comunicazione di codici e linguaggi (con pari dignità, evitando che uno sia didascalia dell’altro), testi letterari con testi figurativi. La confezione editoriale richiama la busta e la lettera postale, ma può anche essere incorniciata e appesa al muro come un quadro. Ogni busta, stampata in tiratura limitata, in 50 copie, contiene la tavola originale di un artista.
Le Edizioni del bradipo di Lugo perseguono un preciso progetto culturale: da un lato pubblicare opere inedite di autori contemporanei, dall’altro scoprire, valorizzare criticamente e riproporre all’attenzione dei lettori, autori ed opere dimenticate o poco conosciute (ma culturalmente interessanti e rilevanti) del Novecento letterario italiano, con particolare attenzione al territorio regionale, ma aperti all’ambito nazionale ed extranazionale.
In qualità di editori “minimi”, privilegiamo l’opera breve o il frammento, e rivalutiamo l’apparente marginalità di alcuni scrittori cosiddetti minori, convinti che la civiltà letteraria novecentesca del nostro paese possa ritrovarsi in queste esperienze come nelle maggiori e più divulgate.



"L'ala di Baracca" di ELENA LOEWENTHAL


Elena Loewenthal è stata ospite del Caffè Letterario di Lugo venerdì 14 giugno 2019 per presentare il suo libro "Nessuno ritorna a Baghdad” edito da Bompiani.

Chissà se il tempo è verticale oppure orizzontale. Ci ho pensato contemplando l’ala di Baracca. Il monumento è bellissimo, di una bellezza per la quale fatico a trovare le parole. Non perché sia indicibile, è che non trovo gli aggettivi giusti per descriverla, quell’ala piantata a terra. E quella figura imperiosa eppure bonaria dell’aviatore, che forse ride anche un po’ di se stesso come è capace di ridere di sé l’intelligenza, a volte.
Quell’ala è spettacolare. E’ così statica, così solida, come se fosse lì da sempre.
Ho scritto un romanzo fatto quasi tutto di viaggi, migrazioni, spostamenti, radici aeree. L’ala di Baracca mi ha riportato sulla terra, e in fondo ci sto bene. Io le radici le ho ben piantate lì, dentro il suolo.
E poi mi ha fatto pensare al tempo. Chissà se si disegna in orizzontale, come la terra delle radici, o in verticale, come quell’ala. Einstein direbbe che non è nessuna delle due cose, che il tempo e lo spazio sono un materasso gelatinoso su cui fluttua il cosmo. Ma forse, se avesse visto l’ala di Baracca, l’avrebbe pensata diversamente pure lui.

La serata con MAURA GANCITANO e ANDREA COLAMEDICI


Ancora un pubblico numerosissimo ha partecipato alla serata di ieri sera, lunedì 17 giugno, con i filosofi Maura Gancitano e Andrea Colamedici che hanno presentato il loro libro “Liberati della brava bambina” edito da HarperCollins. Un incontro che si è trasformato in un viaggio nel mondo delle donne attraverso le storie di otto eroine del mito e della leggenda a partire dalla classicità fino ad arrivare alla cultura pop dei nostri giorni.







domenica 16 giugno 2019

Lunedì 17 giugno - MAURA GANCITANO e ANDREA COLAMEDICI al Caffè Letterario di Lugo


Lunedì 17 giugno, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, gli scrittori e filosofi Maura Gancitano e Andrea Colamedici presentano al Caffè Letterario di Lugo il loro ultimo saggio “Liberati della brava bambina” edito da HarperCollins. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Patrizia Randi. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
Cosa significa essere donna? Non alzare la voce, non ribellarsi. Obbedire al padre, al marito, alla società. Significa calma e sottomissione. Dover essere una brava bambina, poi una brava moglie e una brava madre. Eppure per qualcuna tutto questo non basta. Attraverso otto storie che spaziano dal mito alla contemporaneità, gli autori raccontano l'altra faccia della luna: e cioè come fin dagli albori dell'umanità, in saghe, leggende ed epopee letterarie, i modelli di donne forti sono sempre stati ridotti al silenzio. Ma dal nuovo racconto delle storie di Era, Medea, Daenerys, Morgana e le altre, se ci si pongono le domande giuste, possono risultare modi diversi di vivere se stesse e la propria femminilità, di leggere i meccanismi che circondano e intrappolano. Con la guida della filosofia, che ci aiuta a domandarci il significato delle cose e ci indica un comportamento nel mondo, questi ritratti femminili insegnano come trasformare le gabbie in chiavi e volgere le difficoltà in opportunità. Solo così ci si potrà finalmente permettere di esistere, e non aver paura di fiorire. Fare filosofia aiuta a piazzare punti interrogativi alla fine delle parole, come fossero esplosivi. Non più "donna", ma "donna?", non più "si fa così", ma "si fa così?". Non più "è sempre stato così", ma "è sempre stato così?". In questo modo ogni preconcetto esplode, e si aprono passaggi segreti impensabili e altrimenti invisibili.
Filosofi e scrittori, Maura Gancitano e Andrea Colamedici sono gli ideatori del progetto Tlon (Scuola di Filosofia, Casa Editrice e Libreria Teatro), attraverso cui portano avanti un’attività quotidiana di riflessione sulle dinamiche sociali e sulla fioritura personale. Insieme hanno scritto Tu non sei dio (2016), Lezioni di Meraviglia (2017), La società della performance (2018), e Liberati della brava bambina (HarperCollins 2019).



La serata con ELENA LOEWENTHAL


Presentando al Caffè Letterario di Lugo, venerdì 14 giugno, il suo ultimo romanzo edito da Bompiani “Nessuno ritorna a Baghdad”, Elena Loewenthal ci ha guidato in un viaggio lungo più di un secolo, che da Baghdad ci ha portato a Gerusalemme, Haifa, Teheran, Madrid, New York e tante altre città. Un viaggio che ci ha trascinato dentro le vite dei suoi protagonisti, di una madre, di una famiglia.
“Ma c’è mai stata, Baghdad? È mai davvero esistita, quella città abbracciata all’ansa larga del fiume, stretta fra il sole e il deserto, piena di piccole strade sterrate che non portano da nessuna parte? Quella città con i balconi di legno e i tetti piatti dove s’andava a dormire, d’estate, e di lassù tutto sembrava un sogno strano, un miraggio impossibile?”






martedì 11 giugno 2019

Venerdì 14 giugno - ELENA LOEWENTHAL al Caffè Letterario di Lugo


Venerdì 14 giugno, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, la scrittrice torinese Elena Loewenthal presenterà al Caffè Letterario di Lugo il suo romanzo “Nessuno ritorna a Baghdad”  edito da Bompiani. A introdurre la serata, che si concluderà come d’abitudine con il consueto brindisi finale offerto a tutti i presenti dalle cantine Cevico, sarà Daniele Serafini. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
La memoria è fatta di dettagli, parole, piccoli cortocircuiti. Il ricordo più bizzarro e remoto riaffiora in un certo cibo, in un taglio di luce londinese che pure nulla ha a che vedere con il bagliore abbacinante del deserto, oppure mentre si risponde al telefono, che anche senza più fili continua a unire chi ha scelto di andare lontano e chi si è fatto portare lontano da qualcun altro. Tutto è cominciato lì, a Baghdad, all’inizio del Novecento, o forse qualche millennio prima; a Baghdad, dove Flora, Ameer e Violette sono rimasti giovanissimi e soli quando Norma, madre inquieta destinata a mutarsi in matriarca senza età, è partita, prima di tutti gli altri, per inventarsi un’altra vita oltreoceano. New York, Milano, Gerusalemme, Londra, Haifa, Teheran, Madrid: il mondo è piccolo per chi ha la diaspora nel sangue e sa già, sa da sempre che ci sono viaggi senza ritorno. Miraggi e incontri, scorci di storia e storie minime si compongono in un grande affresco che attraversa un secolo e oltre: un romanzo intriso di nostalgia e umorismo, delusioni e speranze per una famiglia di ebrei di Baghdad che affronta a testa alta un destino collettivo di viaggio, sradicamento e – forse – riconciliazione.

Elena Loewenthal è nata a Torino nel 1960. Lavora da anni sui testi della tradizione ebraica e traduce letteratura d’Israele. Insegna cultura ebraica presso la Facoltà di Filosofia dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano. Collabora regolarmente con “La Stampa” e “Tuttolibri”. Frassinelli ha pubblicato il suo primo romanzo Lo strappo dell’anima. Una storia vera (2002), vincitore del premio Grinzane Cavour per la selezione esordienti. Nel 2005 è apparso per Fabbri il libro per ragazzi Quando i pensieri presero la parola. Presso Bompiani sono usciti: L’ebraismo spiegato ai miei figli (2002), Lettera agli amici non ebrei (2003), Attese (2004), finalista al Premio Strega, Dimenticami (2006).


La serata con ARRIGO SACCHI


A trent’anni dalla conquista della leggendaria Coppa dei Campioni del 1989, ieri sera, lunedì 10 giugno al Caffè Letterario di Lugo, Arrigo Sacchi presentando il suo libro “La coppa degli immortali” edito da Baldini e Castoldi, ci ha raccontato l’impresa che ha segnato il calcio moderno: dalla nebbia di Belgrado al 4 a 0 della finale di Barcellona, dai gol «fantasma» contro Stella Rossa e Werder Brema, al 5 a 0 al mitico Real Madrid a San Siro. Episodi e testimonianze inediti, aneddoti gustosissimi, pagine preziose dei suoi Diari di quegli anni rimaste fino a oggi segrete e per la prima volta riprodotte integralmente: il tutto narrato grazie alla penna di Luigi Garlando, prima firma della «Gazzetta dello Sport» e autore bestseller.