Pagine

Sala conferenze - Hotel Ala d'Oro

Via Matteotti, 56 - 48022 Lugo di Romagna - (Ravenna) - Italia
Per Informazioni : 0545 22388 - claudio@aladoro.it
Iscriviti alla newsletter di Caffè Letterario sul sito http://www.aladoro.it/

lunedì 4 marzo 2024

Mercoledì 6 marzo - STEFANO BON al Caffè Letterario di Lugo

Mercoledì 6 marzo
, alle ore 21.00, nella Sala Codazzi della Biblioteca Trisi lo scrittore ravennate Stefano Bon, presenterà il suo ultimo romanzo “Ascolta oltre l’oceano” edito  da Clown Bianco edizioni. L’incontro sarà introdotto da Maria Chiara Sbiroli.
Primi anni Novanta. Giovanni è un giovane uomo con un futuro brillante davanti a sé. La sua carriera sta per decollare e la sua vita sentimentale è a una svolta, deve solo essere certo di scegliere la donna che ama davvero. È così che decide di trascorrere una settimana lontano da tutto e tutti, su un isolotto in mezzo all'oceano dove non c'è nemmeno la corrente elettrica, in compagnia di libri e musica. Nulla può far presagire ciò che sta accadendo sulla terraferma: un ragazzo che lavorava per la stessa azienda di Giovanni, dopo essere stato licenziato entra armato in ufficio e compie una strage. Per Giovanni lo shock è tale da condizionare tutto il resto della sua vita. Lui, un sopravvissuto, attraverserà gli anni cercando di fuggire dal passato, mentre il suo lato oscuro emergerà e lo porterà a compiere atti che non avrebbe mai immaginato. Ma sarà anche in grado di perdonare e di perdonarsi, perché una possibilità di riscatto c'è ed è nel potere che hanno le storie di farci comprendere meglio noi stessi e gli altri. "Ascolta oltre l'oceano" è un romanzo di formazione adulto, in cui durezza e fragilità si alternano per restituire al lettore l'arco di una vita come tante.
Stefano Bon è nato a Ravenna nel 1963 e nella sua vita si è occupato di musica e cinema. Autore di testi per cinema e teatro, per i tipi di Traccediverse è uscito nel 2007 il suo primo romanzo “Il giorno in cui sono stata uccisa”.

Mercoledì 13 marzo - GIGLIOLA CINQUETTI al Caffè Letterario di Lugo

Mercoledì 13 marzo
, alle ore 21.00, nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, la cantante, conduttrice Tv e attrice Gigliola Cinquetti presenterà la sua autobiografia dal titolo “A volte si sogna” edita da Rizzoli. L’incontro, che si concluderà con un brindisi offerto dal Gruppo Cevico, sarà introdotto da Daniele Serafini. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
«È lei, Gigliola Cinquetti?» «Sì.» Ricevette un piccolo sorriso incoraggiante. «Sono Luigi» si presentò, ma lei non lo riconobbe. Notò gli occhi scuri e l’impermeabile bianco. «Io la odio. Lei rappresenta tutto quello che io detesto. È falsa, ipocrita, perbenista. Volevo dirglielo in faccia. Ci tenevo molto. Per me la sincerità è tutto. Arrivederci.» Appena dopo il Festival di Sanremo 1964, l’anticonformista Luigi Tenco si avventa con veemenza sulla giovanissima vincitrice che ha appena sbaragliato tutti con la sua voce limpida e potente, e con la sua innocente freschezza, ancora in boccio, cantando Non ho l’età. Ma è davvero, quella ragazza di Verona, “falsa, ipocrita, perbenista”? Per la prima volta, in questo sorprendente romanzo autobiografico, Gigliola Cinquetti svela al pubblico il proprio variegato mondo interiore, la personalità appassionata e combattiva, l’attitudine sempre curiosa. È un racconto letterario, coinvolgente, larger than life, in cui una ragazzina, camminatrice e lettrice accanita, innamorata dell’Iliade, dopo anni di lezioni pomeridiane di musica si ritrova proiettata nell’Empireo del successo, inconsapevole della società che la circonda e soprattutto delle etichette che le cuciono addosso. Da chi la giudica retriva e antipatica a chi la vede come una madonna, arrivando a metterle un neonato in braccio. Come trascinata da un fiume in piena, lei, con le sue canzoni, comincia a girare il globo dalla Francia al Giappone, dalle cascate del Niagara al Cile. Ed è proprio questo peregrinare ad aprirle la mente, a formarle opinioni politiche. Perché tutto può avere un significato politico, spesso per lei anche scomodo. Nel frattempo la vita si prende la propria parte: lei incontra Luciano, prima scandaloso convivente more uxorio, poi marito amatissimo e padre dei suoi figli. C’è chi nasce e c’è chi muore. Ma la malìa del suo canto è la costante di tutto, anche quel giorno in tempi recenti, quando in barca fra le isole croate le sue alte frequenze attirarono i delfini…
Gigliola Cinquetti, nata a Verona nel 1947, è una delle voci più amate della musica italiana degli ultimi cinquant’anni. Fra le poche a entrare anche nella classifica UK, ha pubblicato i suoi singoli in tutto il mondo, incidendo in otto lingue; il suo più grande successo “Non ho l’età” (1964), ha venduto più di quattro milioni di copie in tutta Europa. Vincitrice per due volte del Festival di Sanremo (nel 1964 con “Non ho l’età”, brano con cui si aggiudicò anche l’Eurovision Song Contest; nel 1966 con “Dio, come ti amo”), ha completato la propria carriera artistica anche come attrice e conduttrice tv.


 


domenica 3 marzo 2024

"L'insostenibile leggerezza" di Piero Dosi


Inaugurata ieri, sabato pomeriggio 2 marzo, nella hall dell’Hotel Ala d’Oro la mostra pittorica "L'insostenibile leggerezza" di Piero Dosi, a otto anni dalla scomparsa dell'artista. Questa mostra che raccoglie alcuni delle migliaia di disegni e collage di Piero è un tributo al talento e alla sensibilità artistica di un grande artista locale, che ha lasciato un'impronta indelebile nel mondo dell'arte. La mostra rimarrà in esposizione fino a giovedì 18 aprile 2024.






sabato 2 marzo 2024

Sabato 2 marzo - Inaugurazione della mostra pittorica "L'insostenibile leggerezza" di PIERO DOSI

Sabato 2 marzo
, alle ore 18.00 nella hall dell’Hotel Ala d’Oro, si inaugura la mostra pittorica "L'insostenibile leggerezza" di Piero Dosi. Introduce Carmine Della Corte. La mostra rimarrà in esposizione fino a giovedì 18 aprile.

La serata motociclistica con LUIGI RIVOLA

Ieri sera, venerdì 1 marzo al Caffè Letterario di Lugo, il giornalista Luigi Rivola ha presentato davanti a un pubblico numeroso il suo volume "Classe 500. La regina del Motomondiale" edito da Giorgio Nada editore. E' stata una serata davvero emozionante dedicata al motociclismo. L'ambiente era carico di energia e passione per le due ruote, con molti appassionati che si erano riuniti per condividere storie, esperienze e aneddoti legati al mondo delle corse. Durante la serata sono stati proiettati video sulla storia del motociclismo, dalle corse d'epoca alle competizioni più moderne. Sono stati mostrati momenti epici di piloti leggendari come Mike Hailwood, Giacomo Agostini e Barry Sheene, che hanno fatto la storia delle due ruote. I partecipanti hanno potuto anche ascoltare interessanti interventi di piloti come il due volte campione del mondo Carlos Lavado, il Campione del mondo lughese Mario Lega, Loris Reggiani e Giovanni Proni che hanno parlato delle tecniche di guida, delle evoluzioni delle moto nel corso degli anni e delle emozioni che solo un vero appassionato di motociclismo può capire.








mercoledì 28 febbraio 2024

Venerdì 1 marzo - LUIGI RIVOLA racconta il Motomondiale al Caffè Letterario di Lugo

Venerdì 1 marzo, alle ore 21.00 nella Sala Conferenze dell’Hotel Ala d’Oro, il giornalista sportivo Luigi Rivola presenterà il suo volume “Classe 500. La regina del Motomondiale” edito da Giorgio Nada. L’incontro sarà introdotto da Alex Ricci. Ingresso libero. Ricordiamo che è possibile cenare nel Ristorante dell’Hotel Ala d’Oro dalle ore 19.30, e riservare il posto nella Sala Conferenze dove si terrà la presentazione.
La classe 500, fin dai primi anni della storia delle corse motociclistiche di velocità, è sempre stata la più ambita, la più seguita dal pubblico, la più celebrata nelle cronache giornalistiche. Con l’istituzione del Campionato mondiale di velocità, la 500, dal 1949 al 2001 è diventata ufficialmente la “classe regina”, tanto è vero che il vincitore della classifica finale di questa cilindrata poteva fregiarsi del titolo di “campione mondiale assoluto”. Questo libro, dopo due capitoli introduttivi dedicati alla crescita della 500 fino alla Seconda guerra mondiale, intende celebrare i 53 anni “iridati” di questa “regina” attraverso le vicende umane, sportive, eroiche, drammatiche, che ne hanno costellato la storia. Senza tralasciare l’aspetto tecnico e la competizione fra le marche. Il testo è arricchito da moltissime immagini provenienti dall’archivio di Franco Villani, che fu tra i più noti e apprezzati fotografi del “Mondiale”. Non mancherà una parte tabellare dedicata ai grandi campioni della 500 e ai loro bolidi.
Nato a Faenza nel 1948, Luigi Rivola ha scoperto la motocicletta in gioventù e nel 1970 ha iniziato a correre in velocità nella classe 250 del Campionato italiano juniores con una Ducati ottenendo subito buoni piazzamenti. Passato alla classe 500 nel 1972 con una Suzuki, ha corso anche come pilota ufficiale della Suzuki-Italia: miglior risultato, un secondo posto a Modena. Dal 1973 ha iniziato l’attività giornalistica presso il settimanale Moto Sport e, da allora, ha fatto del giornalismo specializzato la sua professione. Ha lavorato come collaboratore per i mensili La Moto e Motociclismo, poi come redattore a Motosprint e nel ruolo di caporedattore a SuperWheels, al sito internet Motonline.com, infine a Dueruote, il mensile della Domus che ha lasciato nel 2012. È stato corrispondente dall’Italia per riviste specializzate giapponesi, americane, francesi e spagnole. Ha scritto diversi libri di storia del motociclismo, tutti tradotti anche in lingue straniere ed ha collaborato alla realizzazione del programma in quattro puntate “Storie di Uomini e di Moto”, prodotto dalla prima rete televisiva nazionale. Suoi anche i testi sul motociclismo dell’Enciclopedia dello Sport Treccani. Per Giorgio Nada Editore ha pubblicato “Classe 500. La regina del Motomondiale” (2018) ed è co-autore del volume “MISANO WORLD CIRCUIT Marco Simoncelli. 50 anni di corse/50 years of racing 1972-2022” (2022).


domenica 25 febbraio 2024

Una serata musicale per celebrare la Pace

Qualche immagine della bella serata conviviale di ieri sera dedicata alla Pace con la parte musicale interpretata dalla bellissima voce di Agata Leanza accompagnata dalla chitarra di Alfredo Longo. Le letture  poetiche di tanti amici del Caffè Letterario e gli aforismi proiettati sullo schermo gigante hanno fatto da degno contorno alla serata.